Introduzione alle sostanze tossiche

Introduzione alle sostanze tossiche

22 Maggio 2020 0 Di Zodiac

Il vecchio detto “ciò che non sai non può farti del male” non è sempre un buon consiglio.

Quando si tratta di sostanze tossiche, COSA SAI PUO’ AIUTARTI. Il radon negli scantinati, il piombo nell’acqua potabile, i gas di scarico delle automobili e i prodotti chimici rilasciati dalle discariche sono solo alcuni esempi di sostanze tossiche che possono farci male. Comprendendo come, è possibile ridurre l’esposizione a sostanze chimiche e ridurre il rischio di effetti dannosi sulla salute.

E quindi, se abbiamo qualche conoscenza di base sulle sostanze tossiche, possiamo ridurre la nostra esposizione a sostanze chimiche e ridurre le possibilità di effetti dannosi sulla salute.

Che cos’è una sostanza tossica?

Una sostanza tossica è una sostanza che può essere velenosa o provocare effetti sulla salute. Le persone sono generalmente preoccupate per sostanze chimiche come i bifenili policlorurati (PCB) e la diossina che possono essere trovati in alcuni siti di rifiuti pericolosi. Anche i prodotti che utilizziamo quotidianamente, come detergenti per la casa, farmaci da prescrizione e da banco, benzina, alcool, pesticidi, olio combustibile e cosmetici, possono essere tossici. Qualsiasi sostanza chimica può essere tossica o dannosa in determinate condizioni.

Effetti sulla salute: tossici o pericolosi?

I prodotti chimici possono essere tossici perché possono danneggiarci quando entrano o entrano in contatto con il corpo. L’esposizione a una sostanza tossica come la benzina può influire sulla salute. Poiché bere benzina può causare ustioni, vomito, diarrea e, in grandi quantità, sonnolenza o morte, è tossico. Alcuni prodotti chimici sono pericolosi a causa delle loro proprietà fisiche: possono esplodere, bruciare o reagire facilmente con altri prodotti chimici. Poiché la benzina può bruciare e i suoi vapori possono esplodere, anche la benzina è pericolosa. Una sostanza chimica può essere tossica, pericolosa o entrambe.

In che modo le sostanze tossiche possono causare danni?

Poiché i prodotti chimici possono essere tossici, è importante capire come possono influire sulla salute. Per determinare il rischio di effetti dannosi sulla salute di una sostanza, è necessario innanzitutto sapere quanto sia tossica la sostanza stessa, quanto e con quale mezzo viene esposta una persona e quanto sia sensibile quella persona alla sostanza.

Tossicità

Alcune sostanze sono più tossiche di altre. La tossicità di una sostanza è descritta dai tipi di effetti che provoca e dalla sua potenza.

Tipi di effetti

sostanze chimiche diverse causano effetti diversi. Ad esempio, la sostanza chimica A può causare vomito, ma non il cancro. La sostanza chimica B potrebbe non avere effetti evidenti durante l’esposizione, ma potrebbe causare il cancro anni dopo.

Potenza

la potenza (forza) è una misura della tossicità di una sostanza chimica. Una sostanza chimica più potente è più tossica. Ad esempio, il cianuro di sodio è più potente del cloruro di sodio (sale da cucina) poiché l’ingestione di una quantità minore di cianuro può avvelenare.

La potenza e, quindi, la tossicità di una sostanza chimica possono essere influenzate dalla sua degradazione all’interno del corpo umano. Quando una sostanza viene assorbita dall’organismo, la sua struttura chimica può essere modificata o metabolizzata in una sostanza più tossica o meno tossica. Ad esempio, il tetracloruro di carbonio, una volta un solvente comunemente usato, viene trasformato dall’organismo in una sostanza chimica più tossica che provoca danni al fegato. Per alcune altre sostanze chimiche, il metabolismo trasforma la sostanza chimica in una forma che viene eliminata più facilmente dall’organismo.

Esposizione

una sostanza chimica può causare effetti sulla salute solo quando entra in contatto o entra nel corpo. L’esposizione a una sostanza può avvenire per inalazione, ingestione o contatto diretto.
L’inalazione (respirazione) di gas, vapori, polveri o nebbie è una via di esposizione molto comune (pensiamo ai gas di scarico delle automobili). I prodotti chimici possono entrare e irritare naso, passaggi d’aria e polmoni. Possono depositarsi nelle vie aeree o essere assorbiti dai polmoni nel flusso sanguigno. Il sangue può quindi trasportare queste sostanze nel resto del corpo.

L’ingestione di cibo, bevande o altre sostanze è un’altra via di esposizione. I prodotti chimici entrano nel nostro organismo attraverso il cibo, le sigarette, utensili, anche attraverso le mani quando sono sporche o non ben lavate. I bambini chiaramente corrono un rischio maggiore di ingerire sostanze presenti nella polvere o nel suolo, perché spesso mettono le dita o altri oggetti in bocca. E non è sempre vero che questi comportamenti dei piccoli li fortificano attraverso la produzione di anticorpi.
Le sostanze possono essere assorbite nel sangue e quindi trasportate nel resto del corpo.

Anche il contatto diretto con la pelle o gli occhi è una via di esposizione. Alcune sostanze vengono assorbite attraverso la pelle ed entrano nel flusso sanguigno. La pelle ferita od anche solo screpolata può consentire alle sostanze di essere assorbite dall’organismo.

La via di esposizione può determinare se la sostanza tossica ha o meno un effetto. La respirazione o la deglutizione del piombo possono provocare effetti sulla salute, ma il contatto con il piombo non è dannoso perché il piombo non viene assorbito attraverso la pelle.

Dose

la quantità di una sostanza che entra a contatto con una persona è chiamata dose. Una considerazione importante nella valutazione di una dose è il peso corporeo. Se un bambino è esposto alla stessa quantità di sostanza chimica di un adulto, il bambino (che pesa di meno) può essere colpito più dell’adulto. Ad esempio, ai bambini vengono somministrate quantità minori di aspirina rispetto agli adulti perché una dose per adulti è troppo grande per il peso corporeo di un bambino.

Maggiore è quindi la quantità di una sostanza a cui una persona è esposta, maggiore è la probabilità che si verifichino effetti sulla salute. Grandi quantità di una sostanza relativamente innocua possono essere tossiche. Ad esempio, due compresse di aspirina possono aiutare ad alleviare il mal di testa, ma l’assunzione di un’intera bottiglia di aspirina può causare mal di stomaco, nausea, vomito, mal di testa, convulsioni e perfino la morte.

Concentrazione

Si è capito che l’esposizione a sostanze chimiche si verifica quando respiriamo, mangiamo o tocchiamo il suolo, l’acqua, il cibo o l’aria che contiene sostanze chimiche. La quantità di una sostanza chimica nel mezzo si chiama concentrazione. I modi più comuni per riportare le concentrazioni sono parti per milione, milligrammi per litro o milligrammi per metro cubo. Queste e altre unità di misura sono definite nel Glossario dei termini di salute ambientale disponibile presso il Ministero della Salute.
La dose di una persona può essere determinata moltiplicando la concentrazione della sostanza chimica per la quantità di acqua, aria, cibo o suolo assorbita da una persona. Ad esempio, l’adulto medio beve circa 2 litri di acqua e respira circa 20 metri cubi (circa iarde cubiche) di aria al giorno. Se l’acqua potabile contiene 1 milligrammo di piombo per litro, la persona assorbirebbe un totale di 2 milligrammi di piombo al giorno.

Durata dell’esposizione

L’esposizione a breve termine si chiama esposizione acuta. L’esposizione a lungo termine si chiama esposizione cronica. Entrambi possono causare effetti sulla salute che sono immediati o effetti sulla salute che potrebbero non verificarsi per qualche tempo.
L’esposizione acuta è un breve contatto con una sostanza chimica. Potrebbe durare alcuni secondi o alcune ore. Ad esempio, potrebbero essere necessari alcuni minuti per pulire le finestre con ammoniaca, utilizzare lo smalto per unghie o spruzzare una bomboletta di vernice. I fumi che qualcuno potrebbe inalare durante queste attività sono esempi di esposizioni acute.

L’esposizione cronica è il contatto continuo o ripetuto con una sostanza tossica per un lungo periodo di tempo (mesi o anni). Se un prodotto chimico viene utilizzato ogni giorno sul lavoro, l’esposizione sarebbe cronica. Nel tempo, alcuni prodotti chimici, quali PCB e piombo, possono accumularsi nel corpo e causare effetti a lungo termine sulla salute (pensiamo ai morti della Montedison di Priolo Gargallo in Sicilia, ai soldati italiani morti per uranio impoverito e quelli dell’ILVA di Taranto ). Le esposizioni croniche possono anche verificarsi a casa. Alcune sostanze chimiche nei mobili per la casa, moquette o detergenti possono essere fonti di esposizione cronica.

Le sostanze chimiche che fuoriescono dalle discariche (discariche) possono penetrare nelle acque sotterranee e contaminare i pozzi vicini o infiltrarsi negli scantinati. C’è chi le utilizza per innaffiare orti e giardini dei quali poi vengono venduti i prodotti. A meno che non vengano prese misure preventive, le persone potrebbero essere esposte a lungo alle sostanze chimiche presenti nell’acqua potabile o nell’aria interna o nei prodotti del terreno innaffiati con acqua contaminata.

Sensibilità

Tutte le persone non sono ugualmente sensibili alle sostanze chimiche e non ne sono influenzate allo stesso modo. Ci sono molte ragioni per questo. Gli organismi di ciascuno di noi variano nella loro capacità di scomporre o eliminare determinate sostanze chimiche a causa delle differenze genetiche.
Le persone possono diventare allergiche a una sostanza chimica dopo esservi state esposte. Quindi possono reagire a livelli molto bassi della sostanza chimica e avere effetti sulla salute diversi o più gravi rispetto alle persone non allergiche esposte alla stessa quantità. Le persone allergiche al veleno d’api, ad esempio, hanno una reazione più grave a una puntura d’ape rispetto alle persone che non sono allergiche.

Fattori come l’età, la malattia, la dieta, l’uso di alcol, la gravidanza e l’uso di droghe mediche o non mediche possono anche influenzare la sensibilità di una persona a una sostanza chimica. I bambini piccoli sono spesso più sensibili alle sostanze chimiche per una serie di motivi. I loro organismi si stanno ancora sviluppando e non riescono a liberarsi di alcuni prodotti chimici come gli adulti. Inoltre, i bambini assorbono nel sangue quantità maggiori di alcuni prodotti chimici (come il piombo) rispetto agli adulti.

Come capire in che modo le sostanze chimiche influenzano la salute?

Non conosciamo tutti gli effetti dell’esposizione ad ogni sostanza chimica. Apprendiamo gli effetti sulla salute di molte sostanze chimiche da esposizioni umane e grazie agli studi sugli animali.

Esposizioni umane

le informazioni sulle esposizioni umane verificatesi sul lavoro o per incidente sono molto utili, anche se possono essere incomplete. Ad esempio, se una persona è stata esposta a più di una sostanza, può essere difficile scoprire esattamente quale sostanza abbia causato un effetto sulla salute. Inoltre, alcuni effetti sulla salute (come il cancro) non compaiono fino a molti anni dopo la prima esposizione, rendendo difficile determinare la causa della malattia. Anche quando si conosce la sostanza che ha causato l’effetto sulla salute, la dose esatta che ha causato l’effetto potrebbe non esserlo.
A volte una popolazione umana che è stata esposta a una sostanza tossica (di solito al lavoro o da una fonte ambientale) viene confrontata con una popolazione che non è stata esposta. Se la popolazione esposta mostra un aumento di un certo effetto sulla salute, tale effetto sulla salute può essere correlato all’esposizione chimica. Tuttavia, questi studi spesso non sono in grado di determinare la sostanza che abbia avuto effetto sulla salute.

Studi sugli animali

molti test di tossicità vengono effettuati sugli animali. I test sugli animali sono spesso buoni indicatori della tossicità chimica nell’uomo, anche se gli animali potrebbero non reagire esattamente come le persone. Molte cose sono prese in considerazione quando si applicano i risultati dei test di tossicità animale all’uomo. Ad esempio, gli animali sono più piccoli, hanno una durata di vita più breve e i loro corpi a volte gestiscono sostanze chimiche in modo diverso dagli umani. Grandi dosi sono utilizzate negli studi sugli animali per vedere se ci saranno effetti. Quando vengono sviluppate linee guida o standard per l’esposizione umana alle sostanze chimiche, queste e altre differenze vengono prese in considerazione.

Cosa può succedere se si è esposti a una sostanza chimica?

Un’esposizione chimica può produrre un effetto sulla salute direttamente nel sito di contatto (locale) o altrove nel corpo (sistemico) e tale effetto può essere immediato o ritardato.

Area del corpo interessata

i prodotti chimici possono influenzare qualsiasi sistema del corpo, inclusi l’apparato respiratorio (naso, passaggi d’aria e polmoni), digestivo (bocca, gola, stomaco, ecc.), circolatorio (cuore, sangue), nervoso (cervello, nervo cellule) e riproduttivo (sperma, ovuli, ecc.). Alcuni prodotti chimici, come gli acidi, non sono specifici e causano danni al contatto diretto. Altre sostanze chimiche, come la benzina, possono essere assorbite nel sangue e trasportate in tutto il corpo. Alcune sostanze chimiche influiscono solo su determinati sistemi o organi bersaglio.
Ogni sistema di organi ha funzioni e caratteristiche fisiche diverse. Pertanto, l’effetto dei prodotti chimici su ciascun sistema deve essere valutato in modo leggermente diverso. Ad esempio, considera tre modi in cui i prodotti chimici possono influenzare un sistema:

il sistema riproduttivo

In primo luogo, l’esposizione chimica può influire sul sistema riproduttivo di un uomo o una donna rendendo più difficile la produzione di spermatozoi od ovuli normali.

In secondo luogo, la sostanza chimica può agire direttamente su un bambino non ancora nato (feto). Poiché i prodotti chimici possono essere trasferiti dal sangue della madre al sangue del nascituro, il feto può essere influenzato quando la madre è esposta a determinati prodotti chimici. Una donna incinta che beve alcolici può avere un bambino con sindrome alcolica fetale. Gli effetti sulla salute possono variare dai difetti alla nascita alle difficoltà di apprendimento.

E infine, alcuni prodotti chimici possono avere effetti indiretti sullo sviluppo del feto. Ad esempio, il fumo durante la gravidanza può ridurre la quantità di ossigeno al feto. La mancanza di ossigeno può influenzare la crescita del bambino e causare danni cronici all’apparato respiratorio.

Sebbene non tutte le esposizioni chimiche influiscono sulla riproduzione, è meglio ridurre al minimo l’esposizione a tutte le sostanze tossiche durante la gravidanza.

Quello che sai può aiutarti!

Come proteggersi

Anche se i prodotti chimici che utilizziamo o ai quali siamo esposti ogni giorno possono essere tossici, puoi proteggere te stesso e la tua famiglia dalle esposizioni chimiche. Indipendentemente dalla tossicità di una sostanza, se non si è esposti alla sostanza, non può influire sulla salute. La regola importante da ricordare è: ridurre al minimo l’esposizione.

Prima di utilizzare un prodotto qualsiasi, leggere attentamente l’etichetta e seguire le istruzioni. Prestare attenzione alle avvertenze sulle etichette.

Utilizzare una ventilazione adeguata

L’aria interna può contenere sostanze chimiche provenienti dall’aria esterna, dal suolo o dall’acqua. Il radon, un gas radioattivo presente in natura, può influire sulla salute. Entra nelle case attraverso buchi o crepe nei pavimenti o nei muri del seminterrato. Ventilazione significa ottenere aria fresca in casa o sul posto di lavoro. Quando si usano sostanze chimiche forti, aprire porte e finestre quando il tempo lo permette. Quando usi un prodotto chimico tossico in ambienti chiusi, potresti voler soffiare aria fuori dalla finestra con un ventilatore. Tieni aperta un’altra finestra o porta per far entrare aria fresca nella stanza. Se usi sostanze chimiche nei tuoi hobby, usale all’aperto o in un’area ben ventilata lontano dal tuo spazio vitale.
Indossare guanti protettivi adeguati quando si maneggiano sostanze chimiche. Se usi sostanze che sono dannose per respirare (come la vetroresina che può depositarsi nei polmoni), usa una maschera appropriata.

Conservazione dei prodotti chimici

Conservare i prodotti chimici in modo sicuro e fuori dalla portata dei bambini. Etichettare tutti i contenitori e non conservare i liquidi in contenitori domestici comunemente usati come bottiglie di plastica o lattine di cibo.
Se i vestiti si sporcano durante la manipolazione dei prodotti chimici, cambiarli il prima possibile per ridurre l’esposizione. Lavare i panni sporchi separatamente; quindi far scorrere la macchina attraverso un ciclo di risciacquo per pulirla prima di lavare più vestiti.
Se è necessario utilizzare una sostanza tossica, acquistare solo la quantità necessaria in modo che rimanga meno materiale per la conservazione o lo smaltimento.

Cerca di evitare l’uso di una sostanza tossica

Se ciò non è possibile, scegli prodotti con ingredienti meno tossici. Ad esempio, le vernici all’acqua sono generalmente meno tossiche delle vernici ad olio.

L’acqua potabile può contenere sostanze chimiche dannose. Il piombo può fuoriuscire dai tubi di piombo del sistema idrico. Ridurre la quantità di piombo nell’acqua usando acqua fredda e facendo scorrere l’acqua per un minuto o due prima di usarlo per bere o cucinare. I filtri possono eliminare alcuni prodotti chimici dall’acqua potabile. I filtri devono essere utilizzati solo quando necessario; assicurati che quello che usi elimini la sostanza chimica di cui sei preoccupato e mantieni i filtri regolarmente.

Più conosci le sostanze tossiche, più puoi ridurre l’esposizione.

Quello che sai può aiutarti!